• Home
  • Chi siamo
  • Vocazione e Formazione

                                                                                                                                                                                                                                              

   

Inviato dal Padre per la salvezza di tutti, Gesù di Nazaret, formatore dei discepoli, continua oggi a chiamare per mezzo dello Spirito al discepolato evangelico. Egli è anche il Maestro di quanti si preparano a seguirlo nell'Ordine delle Scuole Pie, partecipando al suo stile di vita e alla sua missione evangelizzatrice tra i bambini e i giovani.

Lo stesso Calasanzio la espresse con questa frase: "Ho trovato in Roma una strada migliore per servire a Dio con aggiutare questi poveri figliuoli, né li lascerò per cosa alcuna del mondo"

La realtà storica del nostro tempo è molto complessa, arrivando anche a situazioni inedite di ingiustizia istituzionalizzata. 

Sotto l'impulso di uno sviluppo incontrollato, la frattura tra ricchi e poveri - paesi, regioni, gruppi, persone - si è fatta più profonda. Di conseguenza, coesistono grandi masse che vivono soffrendo fame materiale, fame di giustizia, di cultura e di lavoro, di educazione e di fede, con altri gruppi che sperimentano, insieme al vuoto interiore e all'assenza di Dio, forme di violenza, di discriminazione, di alienazione, di mancanza di libertà umana e religiosa, di mancanza del nucleo familiare e di disorientamento nei valori morali. 

Come ai tempi del Calasanzio, sebbene per ragioni diverse, nemmeno oggi è rispettata la dignità della persona umana, e, in modo particolare, l'infanzia e la gioventà soffrono le conseguenze di questa situazione. In tale contesto Dio chiama i cristiani ad annunciare e testimoniare il Vangelo.
GiraldezEgli continua infatti a inviare nuovi seguaci del Calasanzio che impegnino la loro vita nella Chiesa al servizio dell'uomo, e particolarmente, dell'infanzia e della gioventù.

La missione evangelizzatrice e il compito dello scolopio si realizzano partire dal suo "essere scolopio".
Lo scolopio incarna progressivamente i valori di Gesù di Nazaret, come ha fatto il Calasanzio: vivere solo per il Padre, cercare di piacere a 
Lui solo, e ascoltare in profondo silenzio interiore la voce dello Spirito Santo, giungendo ad una singolare familiarità con Dio. 

Lo scolopio risponde alla chiamata di Cristo mediante la professione religiosa: essere casto, povero e obbediente al servizio dell'educazione dell'infanzia e della gioventù, e vivere la propria consacrazione in una comunità scolopica che evangelizza.

Pubblicato in CHI SIAMO

Stampa Email

  • /chi-siamo/il-fondatore1
  • /chi-siamo/credo-e-missione

LETTERE CALASANZIO

 

http://scripta.scolopi.net

LINKS UTILI

 VATICANO

FONDAZIONE BALDUCCIlogofonbald

 OSSERVATORIO XIMENIANOlogoximen

CALENDARIO

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31

 PROVINCIA ITALIANA 
DEI PADRI SCOLOPI

P. Ugo BARANI
Superiore Provinciale

Via S. Andrea delle Fratte, 15
00187 - ROMA

SEGRETERIA PROVINCIALE

P. Stefano LOCATELLI
Segretario Provinciale

Via S. Andrea delle Fratte, 15
00187 - ROMA
segrprovitalia@padriscolopi.it

 STUDENTATO 
dei PADRI SCOLOPI

P. Martin BADIANE
Formatore

Via S. Andrea delle Fratte, 15
00187 - ROMA

MANIFESTO
VOCAZIONI