San Carlo all'Arena

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

CHIESA DI S. CARLO ALL’ARENA E DOPOSCUOLA

SAN CARLO ALL ARENA NAPOLI 7   Mi affretto a rispondere al gentile invito di fr. Gerardo, per dare qualche ragguaglio sulla situazione della nostra Comunità di S. Carlo all’Arena.

   La lunga vacanza scolastica dovuta ala pandemia del Corona virus 19, che ha mietuto tante vittime, fortunatamente è quasi terminata, ma ci ha fatto soffrire molto, non per la paura, ma soprattutto per la chiusura delle lezioni e delle chiese.

   Quando è arrivata l’ordinanza ci sembrava una cosa talmente assurda da non credere, tanto che abbiamo tentato con esito positivo di continuare le celebrazioni, come nelle catacombe, dando la possibilità di poter partecipare a porte chiuse, sia alla Messa mattutina che al Rosario la sera ai fedeli che l’hanno implorato.

   Tutto ciò nonostante i continui interventi della polizia e di qualche monsignore, che ha creduto opportuno e doveroso insistere per chiudere la chiesa ed eliminare ogni assembramento!

   Certo che è stato un periodo strano, privare i fedeli della partecipazione alla Messa!

   Ci è sembrata una costrizione forzata, specialmente per una Chiesa grande, come la nostra, che può accogliere tranquillamente centinaia di persone, anche con le dovute distanze!

   Per il Doposcuola, che ospita più di cinquanta iscritti, è stato più facile digerire l’ordinanza, perché alla chiusura delle Scuole, tutti i ragazzi che frequentavano, si sono automaticamente ritirati.

   D’altra parte, che venivano a fare, solo a consumare le merendine e a giocare? Ai genitori sarebbe piaciuto, ma gli obblighi delle distanze sociali non lo avrebbero consentito, né potevamo fare eccezioni, a richiesta dei più tenaci.

   Eppure qualche famiglia ha continuato a telefonare e ad insistere, fino a sabato scorso, se si poteva riaprire per qualche attività o anche soltanto per poter giocare!            

   Per cui il Doposcuola è rimasto senza la vivace presenza dei bambini ed è come se il tempo si fosse fermato!

   Finché, ed ecco la novità, non sono arrivati gli operai a spicconare gli esterni del viale d’ingresso e del cortile interno, nonché tutte le pareti umide e i soffitti, per coprirli con pannelli multistrato.

   Così abbiamo dato l‘avvio al risanamento di tutti i locali del Doposcuola, grazie all’aiuto di alcune Fondazioni, in primis la Fondazione Grimaldi, che ha accolto e approvato il nostro Progetto e risposto positivamente alle nostre richieste di finanziamento.

   A fine mese sarà inaugurata la Sala Giochi restaurata, con l’arrivo di due nuovi bigliardini in donazione da parte dei Giovani Lyons, alcuni dei quali nostriEx alunni.

   Naturalmente anche le altre attività religiose sono state bloccate forzatamente, come la preparazione di una ventina di bambini alla I^ Comunione e di alcuni giovani alla Cresima, come ogni anno.

Infine è venuto meno il folto Gruppo del Movimento nello Spirito, che allietava la liturgia domenicale e infrasettimanale con le preghiere e i canti.

   L’altra piccola novità da ricordare, specialmente in questo periodo nero, è stata l’attivazione di una maggiore cura assistenziale per i poveri, che non mancano in questi tempi, con il contributo di viveri da parte della Fondazione Banco di Napoli e di alcuni Esercizi commerciali, e la distribuzione di indumenti e generi vari con l’aiuto dei Giovani Lyons.

   Speriamo che sia finita, così a settembre potremo riprendere tutte le piccole attività, che gli spazi ci consentono, per la verità un po’ ristretti, nonché la “tenera età” di tutti i componenti della Comunità, che si raccomandano alla preghiera di tutti.

 

P. Vincenzo Cani

 

Pubblicato in NOTIZIE

Stampa Email

  • /notizia/142-lettera-scritta-da-un-giovane
  • /notizia/144-s-pompilio-maria-vs-covid-19

PADRE PROVINCIALE

SEGRETARIOPROVINCIALE

promotore vocazionale

manifesto vocazionale