Privacy Policy

PRIVACY POLICY

  1. I.INFORMAZIONI RELATIVE ALLA PRIVACY POLICY DEL SITO

  1. In questa sezione sono contenute le informazioni relative alle modalità di gestione di PROVINCIA ITALIANA DEI PADRI SCOLOPI in riferimento al trattamento dei dati degli utenti di PROVINCIA ITALIANA DEI PADRI SCOLOPI.
  2. La presente informativa ha valore anche ai fini dell’articolo 13 del Regolamento (UE) n. 2016/679, relativo alla protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati personali nonché alla libera circolazione di tali dati, per i soggetti che interagiscono con PROVINCIA ITALIANA DEI PADRI SCOLOPI ed è raggiungibile all’indirizzo corrispondente alla pagina iniziale: http://scolopi.it
  3. L’informativa è resa solo per PROVINCIA ITALIANA DEI PADRI SCOLOPI e non anche per altri siti web eventualmente consultati dall’utente tramite link in esso contenuti.
  4. Scopo del presente documento è fornire indicazioni circa le modalità, i tempi e la natura delle informazioni che i titolari del trattamento devono fornire agli utenti al momento della connessione alle pagine web di PROVINCIA ITALIANA DEI PADRI SCOLOPI indipendentemente dagli scopi del collegamento stesso, secondo la legislazione Italiana ed Europea.
  5. L’informativa può subire modifiche a causa dell’introduzione di nuove norme al riguardo, si invita per tanto l’utente a controllare periodicamente la presente pagina.
  6. Se l’utente ha meno di 14 anni, ai sensi dell’art. 8, c. 1 regolamento (UE) 2016/679, e dell’Art. 2 – Quinques del D.Lgs 196/2003, così come modificato dal D.Lgs 181/18, dovrà legittimare il suo consenso attraverso l’autorizzazione dei genitori o di chi ne fa le veci.

  1. II.TRATTAMENTO DEI DATI

1- Titolare dei Dati

1         Il titolare del trattamento è la persona fisica o giuridica, l’autorità pubblica, il servizio o altro organismo che, singolarmente o insieme ad altri, determina le finalità e i mezzi del trattamento di dati personali. Si occupa anche dei profili sulla sicurezza.

2         Relativamente al presente sito web il titolare del trattamento è: Sergio Sereni, e per ogni chiarimento o esercizio dei diritti dell’utente potrà contattarlo al seguente indirizzo mail: XXXXXXXXX

2- Responsabile del trattamento dati

  1. Il responsabile del tattamento è la persona fisica o giuridica, l’autorità pubblica, il servizio o altro organismo che tratta dati personali per conto del titolare del trattamento.
  2. Ai sensi dell’articolo 28 del regolamento (UE) n.2016679, su nomina del titolare dei dati, il responsabilie del trattamento dei dati del sito PROVINCIA ITALIANA DEI PADRI SCOLOPI avviene presso via Sant’Andrea delle Fratte, 15 – 00187, Roma.
  3. In caso di necessità, i dati connessi al servizio newsletter possono essere trattati dal responsabile del trattamento o soggetti da esso incaricati a tal fine presso la relativa sede.

  1. III.COOKIES

1-       Tipo di Cookies

  1. Il sito PROVINCIA ITALIANA DEI PADRI SCOLOPI utilizza cookies per rendere l’esperienza di navigazione dill’utente più facile ed intuitiva: i cookies sono piccole stringhe di testo utilizzate per memorizzare alcune informazioni che possono riguardare l’utente, e le sue preferenze o il dispositivo di accesso a Internet (computer, tablet o cellulare) e vengono utilizzate principalmente per adeguare il funzionamento del sito alle aspettative dell’utente, offrendo un’esperienza di navigazione più personalizzata e memorizzando le scelte effettuate in precedenza.
  2. Un cookie consiste in un ridotto insieme di dati trasferiti al browser dell’utente da un server web e può essere letto unicamente dal server che ha effettuato il trasferimento. Non si tratta di codice eseguibile e non trasmette virus.
  3. I cookies non registrano alcuna informazione personale e gli eventuali dati identificabili no verrano memorizzati. Se si desidera, è possibile imedire il salvataggio di alcuni o tutti i cookie. Tuttavia, in questo caso l’utilizzo del sito e dei servizi offerti potrebbe risultarne compromesso. Per procedere senza modificare le opzioni relative ai cookies è sufficiente continuare con la navigazione.

Di seguito le tipologie di cookies di cui il sito fa uso:

2-       Cookies tecnici

  1. Ci sono numerose tecnologie usate per conservare informazioni nel computer dell’utente, che poi vengono raccolte dai siti. Tra queste la più conosciuta e utilizzata è quella dei cookies HTML. Essi servono per la navigazione e per facilitare l’accesso e la fruizione del sito da parte dell’utente. Sono necessari alla trasmissione di comunicazioni su rete elettronica ovvero al fornitore per erogare il servizio richiesto dal cliente.
  2. Le impostazioni per gestire o disattivare i cookies possono variare a seconda del browser internet utilizzato. Ad ogni modo, l’utente può gestire o richiedere la disattivazione generale o la cancellazione dei cookies, modificando le impostazioni del proprio browser internet. Tale disattivazione può rallentare o impedire l’accesso ad alcune parti del sito.
  3. L’uso di cookies tecnici consente la fruizione sicura ed efficiente del sito.
  4. I cookies che vengono inseriti nel browser e ritrasmessi mediante Google Analytics o tramite il servizio statistiche di blogger o similari sono tecnici solo se utilizzati a fini di ottimizzazione del sito direttamente dal titolare del sito stesso, che potrà raccogliere informazioni in forma aggregata sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito. A queste condizioni, per i cookies analytics valgono le stesse regole, in tema di informativa e consenso, previste per i cookies tecnici.
  5. Dal punto di vista della durata si possono distinguere cookies temporanei di sessione che si cancellano automaticamente al termine della sessione di navigazione e servono per identificare l’utente e quindi evitare il login ad ogni pagina visitata e quelli permanenti che restano attivi nel pc a scandenza o cancellazione da parte dell’utente.
  6. Potranno essere installati cookies di sessione al fine di consentire l’accesso e la permanenza nell’area riservata del portale come utente autenticato.
  7. Essi non vengono memorizzati in modo persistente ma esclusivamente per la durata della navigazione fino alla dhiusura del browser e svaniscono con la chiusura dello stesso. Il loro uso è strettamente limitato alla trasmissione di identificativi di sessione costituiti da numeri casuali generati dal server necessari per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito.

3-       Cookies di terze parti

  1. In relazione alla provenienza si distinguono i cookies inviati al browser direttamente dal sito che si sta visitando e quelli di terze parti inviati al computer da altri siti e non da quello che si sta visitando.
  2. I cookies permanenti sono spesso cookies di terze parti.
  3. La maggior parte dei cookies di terze parti è costituita da cookies di tracciamento usati per individuare il comportamento online, capire gli interessi e quindi personalizzare le proposte pubblicitarie per gli utenti.
  4. Potranno essere installati cookies di terze parti analitici. Essi sono inviati da domini di predette terze parti esterni al sito.
  5. I cookies analitici di terze parti sono impiegati per rilevare informazioni sul comportamento degli utenti su PROVINCIA ITALIANA DEI PADRI SCOLOPI. La rilevazione avviene in forma anonima, al fine di monitorare le presentazioni e migliorare l’usabilità del sito. I cookies di profilazione di terze parti sono utilizzati per creare profili relativi agli utenti al fine di proporre messaggi pubblicitari in linea con le scelte manifestate dagli utenti medesimi.
  6. L’utilizzo di questi cookies è disciplinato dalle regole predisposte dalle terze parti medesime, pertanto, si invitano gli utenti a prendere visione delle informative privacy e delle indicazioni per gestire o disabilitare i cookies pubblicate nelle relative pagine web.

4-       Cookies di profilazione

  1. Sono i cookies di profilazione quelli a creare profili relativi all’utente e vengono utilizzati al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate dallo stesso nell’ambito della navigazione in rete.
  2. Quando si utilizzeranno questi tipi di cookies l’utente dovrà dare un consenso esplicito.
  3. Si applicherà l’articolo 22 del Regolametno (UE) 2006/679 e l’articolo 122 del Codice in materia di protezione dei dati.

  1. IV.DATI TRATTATI

1-       Modalità trattamento dati

  1. Come tutti i siti web anche il presente sito fa uso di log files nei quali vengono conservate informazioni raccolte in maniera automatizzata durante le visite degli utenti. Le informazioni raccolte potrebbero essere le seguenti:
    1. Indirizzo internet protocol (IP);
    2. Tipo di browser e parametri del dispositivo usato per connettersi al sito;
    3. Nome dell’internet service provider (ISP);
    4. Data e orario di visita;
    5. Pagina web i provenienza del visitatore (referral) e di uscita;
    6. Eventualmente il numero di click.
  2. Le suddette informazioni sono trattate in forma automatizzata e raccolte in forma esclusivamente aggregata al fine di verificare il corretto funzionamento del sito, e per motivi di sicurezza. Tali informazioni saranno trattate in base ai legittimi interessi del titolare.
  3. A fini di sicurezza (filtri antispam, firewall, relevazione virus), i dati registrati automaticamente possono eventualmente comprendere anche dati personali come l’indirizzo Ip, che potrebbe essere utilizzato, conformemente alle leggi vigente in materia, al fine di bloccare tentativi di danneggiamento al sito medesimo o di recare danno ad altri utenti, o comunque attività dannose o costituenti reato. Tali dati no sono mai utilizzati per l’identificazione o la profilazione dell’utente, ma solo a fini di tutela del sito e dei suoi utenti, tali informazioni saranno trattate in base ai legittimi interessi del titolare.
  4. Qualora il sito consenta l’inserimento di commenti, oppure in caso di specifici servizi richiesti dall’utente, ivi compresi la possibilità di inviare il Curriculum Vitae per un eventuale rapporto lavorativo il sito rileva automaticamente e registra alcuni dati identificativi dell’utente, compreso l’indirizzo mail. Tali dati si intendono volontariamente forniti dall’utente al momento della richiesta di erogazione del servizio. Inserendo un commento o altra informazione l’utente accetta espressamente l’informativa privacy, e in particolare acconsente che i cotenuti inseriti siano liberamente diffusi anche a terzi. I dati ricevuti verranno utilizzati esclusivamente per l’erogazione del servizio richiesto e per il solo tempo necessario per la fornitura del servizio.
  5. Le informazioni che gli utenti del sito riterranno di rendere pubbliche tramite i servizi e gli strumenti messi a disposizione degli stessi, sono fornite dall’utente consapevolmente, esentando il presente sito da qualsiasi responsabilità in merito ad eventuali violazioni delle leggi. Spetta all’utente verificare di avere i permessi per l’immissione di dati personali di terzi o di contenuti tutelati dalle normative nazionali ed internazionali.

2-       Finalità del trattamento dati.

  1. I dati raccolti dal sito durante il suo funzionamento sono utilizzati per finalità sopra indicate e per le seguenti finalità:

Contribuire alle vocazioni e missioni scolopiche auspicate da PROVINCIA ITALIANA DEI PADRI SCOLOPI.

  1. La conservazione dei dati sarà effettuata per il periodo strettamente necessario al raggiungimento della finalità sopra indicata e comunque non superiore a 10 anni.
  2. I dati utilizzati a fini di sicurezza (blocco tentativi di danneggiamento del sito) sono conservati per il tempo strettamente neceessario al raggiungimento del fine anteriormente indicato.

3-       Dati forniti dall’utente

  1. Come sopra indicato, l’invio facoltativo, esplicito e volontario di posta elettronica agli indirizzi indicati su questo sito comporta la successiva acquisizione dell’indirizzo del mittente, necessario per rispondere alle richieste, nonché degli eventuali altri dati personali inseriti nella missiva.
  2. Specifiche informative di sintesi verranno progressivamente riportate o visualizzate nelle pagine del sito predisposte per particolari servizi a richiesta.

4-       Supporto nella configurazione del proprio browser

  1. L’utente può gestire i cookie anche attraverso le impostazioni del suo browser. Tuttavia, cancellando i cookies dal browser potrebbe rimuovere le preferenze che ha imposto per il sito.
  2. Per ulteriori informazioni e supporto è possibilie anche visitare la pagina di aiuto specifica del web browser che si sta utilizzando:

Internet Explorer: http://windows.microsoft.com/en-us/windows-vista/block-or-allow-cookies

Firefox: https://support.mozilla.org/en-us/kb/enable-and-disable-cookies-website-preferences

Safari: http://www.apple.com/legal/privacy/it/

Crome: https://support.google/accounts/answer/61416?hl=it

Opera: http://www.opera.com/help/tutorials/security/cookies/

Brave: https://brave.com/features/

5-       Plugin Social Network

  1. Il presente sito incorpora anche plugin e/o bottoni per i social network, al fine di consentire una facile condivisione dei contenuti sui vostri social network preferiti. Tali plugin sono programmati in modo da non impostare alcun cookie all’accesso della pagina, per salvaguardare la privacy degli utenti. Eventualmente i cookie vengono impostati, se così previsto dai social network, solo quando l’utente fa effettivo e volontario uso del plugin. Si tenga presente che se l’utente naviga essendo loggato nel social network allora ha già acconsentito all’uso dei cookie veicolati tramite questo sito al momento dell’iscrizione al social network.
  2. La raccolta e l’uso delle informazioni ottenute a mezzo del plugin sono regolati dalle rispettive informative privacy dei social network, alle quali si prega di fare riferimento:

Facebook: https://www.facebook.com/help/cookies

Twitter: https://support.twitter.com/articles/20170519-uso-dei-cookie-e-di-altre-tecnologie-similari-da-parte-di-twitter

Google+:http://www.google.com/policies/technologies/cookies

Telegram: https://telegram.org/faq/it

Whatsapp: https://www.whatsapp.com/security/advisories

Pinterest: about.pinterest.com/it/privacy-policy

AddThis: www.addthis.com/privacy/privacy-policy 

Linkedin: www.linkedin.com/legal/cookie-policy 

  1. V.DIRITTI DELL’UTENTE

  1. L’art. 13, c. 2 del Regolamento (UE) 2016/679 elenca i diritti dell’utente.
  2. Il sito PROVINCIA ITALIANA DEI PADRI SCOLOPIintende pertanto informare l’utente sull’esistenza dei diritti dell’utente, in base ai seguenti articoli del Regolamenteo (UE) 2016/679:
    1. In base all’art. 15, del diritto dell’interessato di chiedere al titolare l’accesso ai dati personali, in base all’art. 16 la possibilità di rettificare i dati forniti, in base all’art. 18 la possibilità di integrare o limitare il trattamento che lo riguardino, o di opporsi, per motivi legittimi, al loro trattamento in base all’art. 21, oltre al diritto alla portabilità dei dati in base all’art. 20 Regolamento (UE);
    2. del diritto di chiedere la cancellazione in base all’art. 17, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati.
    3. del diritto di ottenere l’attestazione che le operazioni di aggiornamento, rettificazione, integrazione dei dati, cancellazione, blocco dei dati, trasformazione sono state portate a conoscenza anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato.
  3. Le richieste possono essere indirizzate al titolare del trattamento, senza formalità o, in alternativa, utilizzando il modello previsto dal Garante per la Protezione dei Dati Personali, o inviando una mail al indirizzo: XXXXXXXXXX
  4. Qualora il trattamento sia basato sull’art. 6, paragrafo 1, lett.a) – consenso espresso all’utilizzo- oppure sull’art. 9, paragrafo 2 lett. a) – consenso espresso all’utilizzo di dati genetici, biometrici, relativi alla salute, che rivelino convinzioni religiose, o filosofiche o appartenenza sindicale, che rivelino l’origine razziale o etnica, le opinioni politiche – l’utente ha diritto di revocare il consenso in qualsiasi momento senza pregiudicare la liceità del trattamento basata sul consenso prestato prima della revoca.
  5. Parimenti, in caso di violazione della normativa, l’utente ha il diritto di proporre reclamo presso il Garante per la Protezione dei Dati Personali, quale autorità preposta al controllo sul trattamento nello Stato Italiano.
  6. Pe una disamina più apporfondita dei diritti che Le competono, si vedano gli articoli 15-22 del Regolamento (UE) 2016/679.

  1. VI.TRASFERIMENTO DATI A PAESI EXTRA UE

  1. Il presente sito potrebbe condividere alcuni dei dati raccolti con servizi localizzati al di fuori dell'area dell'Unione Europea. In particolare con Google, Facebook e Microsoft (LinkedIn) tramite i social plug-in, Google Maps e il servizio di Google Analytics. Il trasferimento è autorizzato e strettamente regolato dall'articolo 45, comma 1 del Regolamento UE 2016/679, per cui non occorre ulteriore consenso. Le aziende sopra menzionate garantiscono la propria adesione al Privacy Shield.
  2. Non verranno mai trasferiti dati a Paesi terzi che non rispettino le condizioni previste dall'articolo 45 e ss, del Regolamento UE.

  1. VII.SICUREZZA DATI FORNITI

  1. Il presente sito tratta i dati degli utenti in maniera lecita e corretta, adottando le opportune misure di sicurezza volte ad impedire accessi non autorizzati, digulgazione, modifica o distruzione non autorizzata dei dati. Il trattamento viene effettuato mediante strumenti informatici e/o telematici, con modalità organizzative e con logiche strettamente correlate alle finalità indicate.
  2. Oltre al titolare, in alcuni casi, potrebbero avere accesso ai dati categorie di incaricati coinvolti nell'organizzazione del sito (personale amministrativo, commerciale, marketing, legali, amministratori di sistema) ovvero soggetti esterni (come fornitori di servizi tecnici terzi, corrieri postali, hosting provider, società informatiche, agenzie di comunicazione).

  1. VIII.MODIFICHE AL PRESENTE DOCUMENTO

  1. Il presente documento costituisce la privacy policy di questo sito, è pubblicato all’indirizzo
  2. Esso può essere soggetto a modifiche o aggiornamenti. Qualora si tratti di modifiche ed aggiornamenti rilevanti questi saranno segnalati con apposite notifiche agli utenti.
  3. Le versioni precedenti del documento saranno comunque consultabili a questa pagina.
  4. Il documento è stato aggiornato in data 30 marzo 2021 per essere conforme alle disposizioni normative in materia, ed in particolare in conformità al Regolamento (UE) 2016/679.

Omelia del p. Pedro Aguado nella solennità di san Giuseppe Calasanzio

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

 

 

Omelia del p. Generale Pedro Aguado Cuesta, durante la Santa Messa in onore di san Giuseppe Calasanzio il 25 agosto 2021, nella chiesa di san Pantaleo, Roma.

 PEDRO AGUADOCari fratelli e care sorelle, ancora un anno, celebriamo il nostro Santo Padre, San Giuseppe Calasanzio, in tutti i luoghi dell'Ordine e della Famiglia Calasanziana. Lo celebriamo con gioia e gratitudine, come i bambini celebrano il ricordo del loro padre. Quest'anno, in mezzo alla pandemia che stiamo vivendo, lo celebriamo con rinnovata gioia e impegno, perché da lui abbiamo imparato, anche, come la vocazione continua ad essere vissuta e come l'Ordine continua ad essere costruito anche in mezzo ad una pandemia.

Ma quest'anno festeggiamo il Calasanzio con gli occhi puntati su due bellissimi anniversari che celebreremo tra qualche mese: i 400 anni dell'elevazione delle Scuole Pie alla categoria di Ordine religioso di voti solenni, e anche i 400 anni dell'approvazione delle Costituzioni scritte dal Calasanzio, per mezzo delle quali ha dato una forma stabile e definita al progetto di vita e missione scolopica.

Vorrei avvicinarmi al Calasanzio da tre punti di vista diversi, tutti e tre uniti dal messaggio del testo evangelico che abbiamo ascoltato oggi e che sempre ascoltiamo nella celebrazione del Calasanzio: "chi accoglie un bambino come questo nel mio nome, accoglie me". Questo è senza dubbio il centro della vita del Calasanzio: identificarsi con Cristo, attraverso il darsi a coloro con cui Cristo stesso si identifica.

Ci sono tre testi evangelici in cui Gesù esprime chiaramente con chi si identifica. Uno di questi l'abbiamo sentito oggi: con il bambino. C'è un secondo testo formidabile, Matteo 25, 40, che il Calasanzio stesso cita specificamente nel Proemio delle Costituzioni. In questo testo, Gesù si identifica con i poveri (avevo fame, avevo sete, ero nudo, ero in prigione, ecc.) E il terzo è Matteo 10, 40, proprio del discorso apostolico, in cui dice chiaramente: "chi accoglie voi accoglie me". È molto bello vedere queste tre identificazioni di Gesù: con il testimone autentico, con il povero e con il bambino.

Ho sempre pensato che il Calasanzio (e più tardi Paula), scoprì chiaramente queste identificazioni, le incarnò, le trasformò in un progetto di vita, e le diede alla Chiesa e alla società sotto forma di Scuole Pie, in ciò che chiamiamo, con umile orgoglio, la vita e la missione scolopica.

Vorrei condividere con voi tre brevi riflessioni su questa profonda esperienza calasanziana. La pirma è molto ovvio: non si arriva a questa esperienza centrale di identificazione con Gesù, e con coloro con cui si identifica, in poco tempo. È un processo che dura tutta la vita. È una sfida che dura tutta la vita. Di fatto, il Calasanzio fu lento a scoprire i bambini; fu lento a prendere coscienza, spiritualmente consapevole, dell'affermazione di Gesù che finì per mettere nelle sue Costituzioni: i poveri. Alcuni parlano di un processo di conversione, e può essere una parola valida per esprimere l'esperienza del Calasanzio.

Vorrei invitarvi a contemplare il processo del Calasanzio come un onesto e sincero cammino di progressiva scoperta di Gesù Cristo, fatto da qualcuno che non ha mai creduto che la sua vita fosse chiusa e che avesse già fatto tutto quello che doveva fare nel suo desiderio di seguire Gesù. Questo è il segreto del Calasanzio. Era un uomo aperto allo Spirito, che parla attraverso la realtà, ed era un uomo fedele alla sua vocazione e al suo ministero. Appartiene al concetto di fedeltà l'apertura a trasformare questa fedeltà nella creazione di qualcosa di nuovo. La prima proposta, quindi, è questa: PROCESSO. Il Calasanzio ci invita a una vita di autenticità. Preghiamo perché il nostro si avvicini al suo.

La seconda riflessione che voglio proporvi è che impariamo dal Calasanzio a vivere la vocazione scolopica. Ci sono due chiavi vocazionali che ha vissuto molto fortemente: la dedizione alla missione e la costruzione delle Scuole Pie. Secondo me, noi scolopi abbiamo imparato bene la prima, ma non tanto la seconda. Non so se gli scolopi hanno la stessa esperienza. Lavoriamo molto, dedichiamo tutta la nostra vita, il nostro tempo, alla missione, ma a volte dimentichiamo che dobbiamo anche preoccuparci di costruire le Scuole Pie, di consolidare il progetto che il Calasanzio ha generato. Se il Calasanzio avesse dedicato la sua vita solo ad insegnare ai bambini, o a creare una scuola dove i bambini di Roma potessero studiare, noi non saremmo qui. No. Il Calasanzio ha costruito un Ordine religioso, che è essenzialmente uno strumento del Regno.

Per questo, nella celebrazione di oggi, vi invito a rinnovare il nostro impegno per continuare a rendere possibili le Scuole Pie, attraverso tutte le dinamiche che rafforzano e fanno crescere un Ordine religioso. E il primo di questi è l'amore sincero e impegnato per le Scuole Pie, che ci porta a dare il meglio di noi stessi per rendere il nostro Ordine, e la Congregazione delle Figlie di Maria, strumenti sempre migliori e più consolidati al servizio del Regno. Forse questa è una delle missioni più importanti dei religiosi e delle religiose che sono nelle Case Generali. E dei giovani che si preparano a vivere autenticamente la vocazione a cui sono stati chiamati. Sono contento che Jan, Viet, Hermann e Louis siano qui. Jan è uno studente di una delle più antiche Province dell'Ordine, fondata nella vita di Calasanz, Polonia. Viet appartiene alla più giovane delle nostre Province, la Provincia di Asia Pacifico. Hermann e Louis sono della provincia dell'Africa occidentale, uno della Costa d'Avorio e l'altro del Benin. La sua presenza qui è un buon simbolo di ciò che siamo. La mia seconda proposta è, quindi, COSTRUIRE le SCUOLE PIE.

E il terzo è molto chiaro. La parola che lo riassume è SANTITA'. Il nostro orizzonte, il nostro desiderio e il nostro progetto di vita consisti, essenzialmente, nell'essere santi. E la santità consiste nel vivere secondo la volontà di Dio, giorno per giorno. Per questo è bene che ci chiediamo: cosa ha fatto del Calasanzio un santo?

Questa domanda sarebbe sufficiente per un libro, per una tesi di dottorato, ma per ora non chiederemo ad Angel di scrivere un'altra tesi, perché penso che possa anche essere spiegata brevemente, soprattutto se lo spiega il protagonista stesso. Possiamo avvicinarci alla risposta da molti punti di vista, ma ho scelto quello fornito dalla lettera del 1236 che il Calasanzio scrisse a uno scolopio a Napoli. L'ho scelto perché penso che rifletta in modo straordinario ciò che il Calasanzio voleva vivere, ciò che ha vissuto e ciò che vuole che noi viviamo.

"La via più breve e più facile per essere esaltati alla propria conoscenza e da lì agli attributi della misericordia di Dio, della prudenza e dell'infinita pazienza e bontà è abbassarsi per dare luce ai bambini, e in particolare a quelli che sono come gli indifesi di tutti, poiché agli occhi di tutti è un ufficio così umile e così vile, pochi vogliono abbassarsi ad esso, e Dio di solito dà il centuplo, soprattutto se, facendolo bene, hanno persecuzioni o tribolazioni in cui, se sono presi pazientemente dalla mano di Dio, trovano il centuplo dello spirito". (EP 1236)

Prima di tutto, il Calasanzio vuole che viviamo un'esperienza profonda di Dio, che ci aiuta a sperimentare nel nostro cuore come Dio ci ama: con misericordia, prudenza e infinita pazienza e bontà. Il Calasanzio vuole questa esperienza per ogni scolopio, perché è l'unica cosa che può renderci testimoni di quell'amore tra i bambini e i giovani a cui ci dedichiamo.

In secondo luogo, il Calasanzio propone ‘abbassarsi’. Abbassarsi per dare luce ai bambini, soprattutto ai più indigenti. In un mondo come il nostro, dove la tentazione di "salire" è all'ordine del giorno, il Calasanzio propone di "scendere". È un dinamismo spirituale, non dubitate. Non cercare nessun obiettivo proprio, nessun riconoscimento, nessuna promozione. Cercate solo di "essere al livello dei piccoli". Il dinamismo spirituale che il Calasanzio propone è kenotico. È quindi profondamente cristiano. Nessuna responsabilità che ci viene chiesta, nessun ringraziamento che riceviamo, nessuna valutazione che gli altri possono avere di noi, nessuna posizione che assumiamo, niente è di alcuna utilità se non è vissuto a partire da questo dinamismo spirituale.

Il Calasanzio ci parla, in terzo luogo, delle difficoltà, che chiama "tribolazioni e persecuzioni". Tutti sappiamo cosa significa, perché tutti abbiamo l'esperienza che le cose non sono sempre facili e non sempre vanno bene. Ma la proposta del Calasanzio è più profonda, e voglio esprimerla chiaramente: lo scolopio dà la sua vita per i bambini e i giovani -soprattutto i più bisognosi- per la missione che gli è stata affidata. La dà ogni giorno, e ogni giorno si consuma per la causa alla quale ha deciso di consacrarsi. E in questa dedizione quotidiana, in questo "logorio positivo", vissuto da Dio, condiviso con i fratelli e vissuto con profonda gioia, trova il "centuplo" di cui parla il Vangelo e che il Calasanzio ricorda. E incontra anche le difficoltà, che sono state promesse dal Signore ai suoi seguaci.

Termino questa riflessione ricordando le tre parole che la articolano, ispirate dal Calasanzio: PROCESSO, COSTRUZIONE DI SCUOLE PIE e SANTITÀ. Preghiamo ogni giorno il Signore, chiedendogli di concederci un poco dello spirito che ha dato al Calasanzio. AMEN

Pubblicato in NOTIZIE

Stampa Email

  • /notizia/230-scuole-pie-napoletane-di-fuorigrotta-2
  • /notizia/224-memoria-e-profezia

PADRE PROVINCIALE

SEGRETARIOPROVINCIALE

promotore vocazionale

manifesto vocazionale